AGCI Alto Adige Südtirol
FACEBOOK    YOUTUBE
 
Per accedere all' area riservata è neccessario essere iscritti ed aver effettuato il login.
Se non sei ancora iscritto, registrati qui...


 
CERTIQUALITY

ASSISTENZA ALLE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI: QUALI PROSPETTIVE?

ASSISTENZA ALLE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI: QUALI PROSPETTIVE?

22/12/2015 | ASSISTENZA ALLE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI: QUALI PROSPETTIVE?

"Incontro con l'Assessora alle Politiche Sociale della Provincia Autonoma di Bolzano - dott.ssa Martha Stocker"

Si è tenuto, oggi pomeriggio, alle 15.00 - c/o la Parrocchia TRE SANTI di Bolzano, un interessante incontro con le assistenti domiciliari qualificate del consorzio sociale AUXILIA, i vertici di A.G.C.I. Alto Adige Suedtirol e l'Assessora alle Politiche Sociali della Provincia Autonoma di Bolzano.

All'incontro erano presenti un centinaio di persone - assistenti alla persona e familiari di persone non autosufficienti.

"L'assessora ha voluto elogiare l'ottimo lavoro svolto dal consorzio sociale AUXILIA per quanto riguarda l'assistenza ai non autosufficienti e ha evidenziato gli ottimi risultati raggiunti in questi anni dal consorzio stesso e dagli operatori per la qualità dell'assistenza prestata.

L'assessora è fortemente convinta nel volere ulteriormente rafforzare la collaborazione tra pubblico e privato sociale. Il consorzio Auxilia è stata in grado di portare avanti un progetto pilota ed è stato un partner fidato su cui contare, con personale di qualità, una buona gestione e una struttura organizzativa divenuta un modello di riferimento.

L'assessora nell'augurare un Buon Natale a tutti, ha lodato quindi il lavoro sin qui svolto da AUXILIA e dalla sua associazione di categoria "Agci Alto Adige Suedtirol", che hanno portato avanti questa importante iniziativa in ambito sociale; un modello da seguire in futuro e sicuramente per il 2016 si dovrà pensare a qualche sostegno per garantire la qualificazione di questo tipo di servizi alla persona.

La Provincia infatti, sta avviando con il 2016 un processo rivolto a sostenere e supportare le famiglie delle persone non autosufficienti e gli operatori che oggi operano nel settore, agevolando la qualità e la regolarità dell'assistenza prestata, assicurando quindi anche che le risorse messe a disposizione dalla Provincia con l'assegno di cura siano correttamente ed efficacemente utilizzate dalle famiglie, in particolare da quelle che non assistono direttamente i familiari e quindi usufruiscono in genere di assistenza prestata da "badanti" .

Un processo che va in questa direzione è sicuramente un passo importante per il futuro qualitativo della assistenza alle persone non autosufficienti della nostra provincia; un passo in avanti basato sull'esperienza ed i risultati ottenuti dal consorzio sociale Auxilia, che hanno dimostrato risultanze molto positive sia in termini di qualità del servizio prestato, sia anche in termini di regolarità e continuità dell'assistenza con ricadute positive anche in termini di ritorno di gettito fiscale.

Considerato quanto sopra premesso quindi, AGCI, oltre a confermare il forte appoggio istituzionale e apprezzamento per la lungimiranza di quanto attuato ed in fase di attuazione da parte dell'Assessorato, ritiene che sia strategico prevedere anche:

- L'istituzione dei ruoli di (non prevedendo specifici albi);
- Coordinatore dei servizi di assistenza alla persona non autosufficiente;
- Assistente alla persona non autosufficiente;
- La progettazione di percorsi formativi per i ruoli di cui sopra. Per esempio per i coordinatori studiare "OSS sul territorio" con competenze in risorse umane, socio-ass.le, giuslavoristica, ...) e per gli assistenti alla persona con competenze linguistiche, territoriali, igiene e cura della persona e alimentazione. Sempre per le assistenti verificare possibilità di studiare servizio ad hoc per persone sottoposte a "cure palliative".

Il Presidente di Auxilia, il geom. Giovanni Franchini e il Presidente di AGCI Giulio Clamer, nel loro intervento hanno sottolineato l'importanza delle competenze tecniche e linguistiche degli operatori ed in tal senso hanno ribadito la necessita di pianificare percorsi formativi continui, che garantiscano un crescita professionale del personale di assistenza e di coordinamento di questi importanti servizi sociali sul territorio.

 

Vai al video: VB 33 Riprese televisive (12/12/15)