AGCI Alto Adige Südtirol
FACEBOOK    YOUTUBE
 
Per accedere all' area riservata è neccessario essere iscritti ed aver effettuato il login.
Se non sei ancora iscritto, registrati qui...


 
CERTIQUALITY

Formazione ed educazione cooperativa

http://www.agci-bz.it/cmscontent/video/626.flv

CARTA DELLA QUALITA'

A.G.C.I. ALTO ADIGE SÜDTIROL, di seguito AGCI, nasce quale espressione dell'"Associazione Generale delle Cooperative Italiane", con lo scopo principale di fornire rappresentanza, tutela, promozione, assistenza e revisione alle cooperative ad essa aderenti, e svolge la sua attività anche in ambito formativo presso gli uffici situati in via Siemens, 23 a Bolzano (Telefono: 0471061360, Fax: 0471061361, PEC: agci.bz@pec.it, Mail: info@agci.bz.it, www.agci.bz.it, Facebook AGCI Alto Adige Südtirol) con personale qualificato e una struttura organizzativa.

La sede operativa della A.G.C.I. - Alto Adige Suedtirol è presidiata tutti i giorni lavorativi con orario di segreteria generale:

• Dal lunedi al venerdi dalle ore 8.30 alle 12.30
• Il martedi ed il giovedi dalle 14.30 alle 17.30

Tale scopo si esplica attraverso diversi servizi offerti agli aderenti, quali ad esempio la revisione ordinaria, l'assistenza amministrativa e legale ed interventi formativi/educativi, anche in ambito di Fondo Sociale Europeo, con una struttura accreditata per la formazione.

Di fatto, AGCI si regge sui seguenti principi di riferimento, che rappresentano il caposaldo della nostra organizzazione, così come individuati nello Statuto Sociale e precisamente:

• Operare in favore delle cooperative, delle associazioni e degli altri enti anche non cooperativi, che hanno per scopo il miglioramento economico, l'elevazione morale e culturale dei soci degli enti aderenti;

• Ispirarsi ai principi del Movimento Cooperativo laico e democratico per promuove la diffusione e lo sviluppo della Cooperazione dettati dalla Alleanza Cooperativa Internazionale contribuendo alla elaborazione e realizzazione di progetti di generale sviluppo economico, sociale, civile, riformatore e progressista legato ai sistemi liberi e democratici, in confronto con le Istituzioni Pubbliche e Private, le forze culturali e quelle sociali e politiche;

• Sviluppare ed agevolare la propulsione del movimento cooperativo svolgendo attività di rappresentanza, tutela, assistenza e vigilanza a favore degli associati nonché agevolando sinergie tra settori e cooperative stesse promuovendo occasioni di contatto e collaborazione;

• Promuovere iniziative in ambito formativo ed educativo per lo sviluppo del movimento cooperativo e per la divulgazione dei principi cooperativi, in un'ottica di solidarietà sociale.

Oltre a svolgere un'azione di sindacato, tutela, rappresentanza, promozione e vigilanza, la nostra organizzazione si è posta l'obiettivo di fornire dei servizi mirati nell'ambito dell'edilizia, del sociale e del lavoro.

Lavorare quindi in un ottica di democrazia, mutualità e responsabilità individuale e sociale.

 


POLITICA DELLA QUALIATA'

La politica della qualita' che Agci ha inteso adottare al fine di raggiungere i suoi obiettivi anche formativi, per il soddisfacimento delle esigenze dei beneficiari, è riportata all'interno della MISSION dell'organizzazione stessa. MISSION di A.G.C.I. Alto Adige Suedtirol:

In sintesi, AGCI, in qualità di associazione di categoria del mondo cooperativo, si propone di prestare la propria attività con particolare riguardo alla innovazione e alla qualità, nei seguenti ambiti:

• VIGILANZA (revisione ordinaria biennale, revisione straordinaria, revisione legale dei conti - controllo contabile - revisione contabile e certificazione di bilancio);

• ATTIVITA' ISTITUZIONALE
- Tutela, assistenza e rappresentanza sindacale;
- Promozione e sviluppo cooperativo (Centro di Sviluppo Cooperativo);
- Informazione ed educazione cooperativa;
- FORMAZIONE;
- Promuovere la solidarietà sociale e sviluppare l'area sociale (Ufficio Settore Sociale).

• SERVIZI
- Servizi all'edilizia;
- Servizi di amministrazione, contabilità, fiscali, paghe e segreteria generale;
- Servizi di assistenza tecnica, amministrativa, gestionale e societaria;
- Assistenza finanziaria, accesso al credito e consulenza in ambito di contributi pubblici.

 


STRATEGIA

AGCI, al fine di raggiungere gli obiettivi di sviluppo del settore formazione (sviluppare progetti formativi ad alto valore aggiunto, strategici e a sostegno della cooperazione di AGCI, dei soci, dei funzionari e degli amministratori; sviluppare progetti per/col territorio, vedi anche progetti di formazione cofinanziati dal FSE di Bolzano - azioni di sistema a favore delle imprese cooperative e formazione individualizzata per le persone in difficoltà per la riqualificazione e il reinserimento lavorativo), ha messo in campo le seguenti strategie:

1. sviluppare ulteriormente e massimizzare le competenze acquisite in ambito di progettazione con partner localo e non, attraverso finanziamenti dal FSE, dal Ministero dello Sviluppo Economico, dalla Regione TAA e dalla Comunità Europea;

2. ottenere l'accreditamento della sede formativa ai fini della formazione individualizzata così come previsto dal FSE di Bolzano;

3. realizzare dei progetti formativi in ambito di FSE per l'inclusione sociale e a favore delle persone più bisognose (over 50, disoccupati/inoccupati, giovani, donne e immigrati), attraverso la promozione e lo sviluppo della formula cooperativa e;

4. realizzazione di attività formative all'interno del mondo scolastico altoatesino.

 


ORGANIZZAZIONE

AGCI si è dotata di un organigramma funzionale, specifico per gli ambiti formativi (vedi organigramma aziendale) strutturato nei 5 processi: Direzione, Gestione economico-amministrativa, Analisi dei fabbisogni, Progettazione ed Erogazione dei servizi. AGCI è inoltre dotata di una struttura con un'aula didattica, una segreteria dedicata e strumentazione idonea.

 


DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA' DEI RESPONSABILI POSTI A PRESIDIO DEI PROCESSI

- Direzione

Il Direttore Formazione e Orientamento sovraintende alle attività di progettazione e realizzazione degli interventi formativi/di orientamento a finanziamento FSE ad esclusione della gestione logistica e delle attività amministrative, finanziaria e contabili di stretta competenza del responsabile della gestione economico-amministrativa. In particolare al Direttore Formazione e Orientamento sono assegnate le seguenti attività:

• Gestione relazioni locali con le imprese, le istituzioni e gli attori locali relativamente a quanto di pertinenza alla realizzazione degli interventi formativi;
• Promozione e commercializzazione dei servizi formativi e/o orientamento;
• Ricerca di partnership in ambito europeo e/o nazionale e/o regionale e/o provinciale e/o locale;
• Definizione strategie organizzative, commerciali e standard della sede operativa;
• Governo del reperimento delle risorse umane, tecnologiche, finanziarie e organizzative;
• Supervisione della manutenzione e miglioramento della sede operativa;
• Coordinamento delle risorse umane, economiche, organizzative ed informative;
• Monitoraggio delle azioni e dei programmi di formazione e/o orientamento;
• Governo, selezione e gestione dei contratti con i fornitori;
• Gestione degli accordi con il finanziatore;
• Gestione e sviluppo delle risorse umane.

Il Direttore Formazione e Orientamento lavora a stretto contatto con il Coordinatore e con il Tutor e risponde direttamente al CdA.

- Gestione economico-amministrativa

Il responsabile della gestione economico-amministrativa sovraintende alle attività amministrative e di gestione logistica relative all'intervento formativo/di orientamento.

E' colui che predispone il preventivo finanziario dell'intervento e che ne tiene monitorato l'andamento rispetto alle spese effettivamente sostenute.

Gestisce gli aspetti amministrativi/economici e finanziari e si interfaccia direttamente con il Servizio FSE per gli adempimenti amministrativi richiesti e per le modifiche (es. integrazioni ai preventivi presentati).

• Coordinamento e supervisione della gestione contabile e degli adempimenti amministrativo - contabili -fiscali, del controllo economico e della rendicontazione delle spese inerenti gli interventi formativi/di orientamento;
• Gestione amministrativa del personale sia interno che dei collaboratori esterni (gestione e stipula dei contratti di collaborazione, delle lettere di incarico, cedolini paga, versamento oneri vari, aperture pratiche INPS, INAIL, ecc e quant'altro obbligatorio);
• Gestione amministrativa e rendicontazione delle spese;
• Gestione delle risorse finanziarie pubbliche nel settore della formazione, dell'educazione e dell'orientamento.

Il responsabile della gestione economico-amministrativa lavora in stretta collaborazione sia con il Direttore Formazione e Orientamento che con il Tutor.

- Progettista

E' affidata al progettista l'analisi dei fabbisogni formativi/orientativi/occupazionali per poi definire la proposta progettuale. In particolare il progettista effettua le seguenti attività:

• Rilevazione del fabbisogno occupazionale a livello territoriale e/o aziendale;
• Rilevazione del fabbisogno formativo/di orientamento;
• Supporto alla definizione della strategia formativa/orientativa;
• Progettazione di massima, progettazione esecutiva e di dettaglio; definizione delle condizioni di fattibilità;
• Progettazione percorsi individualizzati (per gli interventi di formazione) e progettazione di interventi di orientamento individuali e/o di gruppo e/o di strumenti per l'orientamento (per gli interventi di orientamento);
• Progettazione esecutiva e di dettaglio con predisposizione dello specifico piano di progetto;
• Supporto al Coordinatore nella definizione dei preventivi relativi all'intervento formativo/di orientamento.

Il progettista lavora in stretta collaborazione sia con il Direttore Formazione e Orientamento che con il responsabile della gestione economico-amministrativa per la messa a punto del progetto sotto i vari aspetti. In particolare con il responsabile della gestione economico-amministrativa definisce le risorse necessarie per la realizzazione dell'intervento di formazione/orientamento dal punto di vista sia professionale che tecnico mentre con il Direttore Formazione e Orientamento analizza gli aspetti più legati al contenuto ed all'analisi e relativo soddisfacimento dei fabbisogni formativi, di orientamento ed occupazionali locali.

EROGAZIONE DEI SERVIZI (COORDINAMENTO, MONITORAGGIO E VALUTAZIONE)

Attività previste per il responsabile del processo di erogazione dei servizi:
- pianificazione del processo di erogazione;
- gestione di risorse umane, tecnologiche e finanziarie del processo di erogazione;
- gestione delle relazioni e degli accordi con la committenza;
- monitoraggio delle azioni o dei programmi;
- valutazione dei risultati e identificazione delle azioni di miglioramento nel settore della formazione, dell'educazione e dell'orientamento.

Coordinamento

L'attività di coordinamento, viene anch'essa espletata in conformità alle disposizioni di cui alla guida per l'accreditamento, attraverso un presidio delle procedure inerente al coordinamento delle attività delle risorse tecnologiche e finanziarie del processo di erogazione ed inerenti alla gestione delle relazioni e degli accordi con la committenza.

Monitoraggio

A.G.C.I. Alto Adige Suedtirol, nello svolgimento dell'intervento formativo, si attiene per quanto possibile a quanto previsto nella fase di progettazione e nella programmazione di dettaglio. A tal fine, in sede di progettazione dell'intervento formativo, individua uno specifico gruppo di monitoraggio composto dal Direttore Formazione e Orientamento, il Coordinatore, alcuni rappresentanti del corpo docente ed eventualmente i progettisti.

Alla fine di ogni modulo, è previsto un incontro di monitoraggio al fine di verificare il rispetto del programma e sulla sua validità. In questa attività vi sarà il controllo e la valutazione dell'intervento in essere attraverso:

• l'analisi dei risultati dei questionari anonimi di soddisfazione da parte dei corsisti

• la relazione del Tutor e del Coordinatore

• i risultati di eventuali incontri periodici individuali tra il Direttore Formazione e Orientamento ed i corsisti

• l'analisi degli indicatori/parametri sotto riportati ed i cui dati sono raccolti e mantenuti aggiornati dal Tutor:

- Tempo reazione risposta ai corsisti = gg. intercorsi dalla richiesta / risposta
- Saturazione = N° iscritti/N° partecipanti previsti
- Attrazione = N° partecipanti inseriti ad intervento iniziato/N° partecipanti previsti
- Partecipazione = N° ore frequentate dal singolo partecipante/N° ore previste
- Permanenza = N° frequentanti a fine corso (70% delle ore)/N° partecipanti previsti
- Grado di abbandono = N° partecipanti che hanno abbandonato l'intervento/N° partecipanti previsti
- Grado di efficacia = N° di persone che concludono con successo il corso/numero di allievi previsti
- Qualità della docenza = N° di docenti con laurea/numero totale di docenti
- Rispetto programmazione = N° di ore erogate secondo la programmazione iniziale/N° totale di ore erogate
- Gradimento logistica & organizzazione corso = valutazione periodica dei corsisti ricavabile da apposito questionario
- Gradimento docenti = valutazione periodica dei corsisti ricavabile da apposito questionario
- Flessibilità organizzativa/gestionale = n. gg. segnalazione / predisposizione azioni correttive

E' compito del comitato di monitoraggio proporre al Direttore Formazione e Orientamento ed al Coordinatore eventuali interventi correttivi da intraprendere a seguito dell'analisi svolta.

Il monitoraggio riguarderà anche il collocamento dei partecipanti al termine del corso e nei periodi successivi.

Valutazione

A.G.C.I. - Alto Adige Suedtirol, al fine di valutare il grado di apprendimento dei corsisti/e, definisce già in fase di progetto i tempi e le modalità per la verifica di quanto appreso.

Lo scopo che si intende raggiungere con questa attività è quello di ottenere un miglioramento continuo della qualità dei servizi formativi offerti, attraverso il monitoraggio, la rilevazione della soddisfazione dei partecipanti, nonché del personale, la verifica degli apprendimenti; in un ottica di tracciabilità delle attività/iniziative poste in essere, con conseguenti azioni preventive e/o correttive.

- Tutor

Al Tutor è affidato il delicato compito di fungere da tramite tra i partecipanti agli interventi di formazione/orientamento e la direzione/coordinamento. E' infatti il Tutor che, essendo presente durante buona parte dell'intervento di formazione/orientamento, ha la percezione più diretta dell'andamento dell'intervento, delle problematiche createsi, dei problemi - anche puntuali - da risolvere legati ai vari aspetti (docenza, strutture, logistica, ecc.). In particolare sono attività di pertinenza del tutor:
• Animazione e facilitazione all'apprendimento individuale e di gruppo;
• Gestione dell'aula;
• Gestione logistica delle giornate di intervento (aula, registri presenze, attrezzature, spostamenti docenza, ecc.);
• Gestione stage (contatti con le aziende, stipula convenzioni stage, contatti periodici con i corsisti e con i Tutor aziendali, valutazioni durante lo stage, contatti a fine stage, gestione elenchi presenze stagisti);
• Diagnosi dei bisogni individuali di assistenza all'inserimento lavorativo;
• Gestione relazioni locali con imprese, servizi per l'impiego, istituzioni ed altri attori locali;
• Monitoraggio delle azioni e dei programmi di formazione e/o orientamento, insieme al responsabile dell'erogazione dei servizi;
• Valutazione dei risultati;
• Gestione e sviluppo delle risorse umane interne alla A.G.C.I. - Alto Adige Suedtirol relativamente alle attività di formazione/orientamento;
• Coordinamento della logistica legata alla realizzazione dell'intervento (organizzazione pernottamenti, pasti, viaggi, locali docenza, ecc.) e gestione dei relativi documenti ed adempimenti amministrativi (contratti, fatture, pagamenti, ecc.);
• Monitoraggio dell'intervento formativo/di orientamento per quanto riguarda gli aspetti di propria competenza, insieme al responsabile dell'erogazione dei servizi.
Il Tutor si relaziona frequentemente sia con il responsabile della gestione economico-amministrativa che con il Direttore Formazione e Orientamento per allinearli sull'andamento dell'intervento che sulle problematiche presenti.

- Responsabile Accreditamento

Il Responsabile Accreditamento è colui che, all'interno di A.G.C.I. - Alto Adige Suedtirol, agisce affinché l'organizzazione operi in conformità al modello di accreditamento provinciale degli enti di formazione. E' colui che si interfaccia con il Servizio FSE anche attraverso il portale "CoheMon" per le procedure inerenti l'accreditamento ed il suo successivo rinnovo. E' colui che si tiene costantemente aggiornato relativamente alle modifiche che il Servizio FSE dovesse introdurre in materia di accreditamento.
Compete inoltre al Responsabile Accreditamento verificare la corretta applicazione delle modalità di compilazione dei formulari, dei preventivi, delle schede di progettazione e degli altri documenti previsti dal Servizio FSE.

E' compito del Responsabile Accreditamento, nei casi particolari in cui le modifiche da apportare all'intervento di formazione/orientamento siano tali da doverne dare adeguata comunicazione al servizio FSE, produrre la documentazione prevista ed inviarla al competente servizio.

E' compito del Responsabile Accreditamento provvedere alla corretta archiviazione dell'intera documentazione relativa agli interventi di formazione/orientamento.

E' competenza del Responsabile Accreditamento effettuare periodicamente una verifica sullo stato e sul grado di efficacia/efficienza delle attrezzature provvedendo, all'occorrenza, a sottoporle ad interventi manutentivi interni e/o esterni. Prima di ogni intervento formativo/di orientamento, o comunque prima del periodo di reale utilizzo, le attrezzature da utilizzarsi sono opportunamente verificate dal Responsabile Accreditamento con il supporto del Tutor che le prenderà in gestione per tutta la durata dell'intervento di formazione/orientamento.

.........

VEDI CARTA DELLA QUALITA' ALLEGATA!